La imagen no esta disponible
webcam dai rifugi
Rifugio Achille Papa
Image is not available

Il rifugio generale Achille Papa è situato alle Porte del Pasubio, a 1928 m sul massiccio omonimo, alla testata della Val Canale, in posizione panoramica...

Rifugio Boschetto
Image is not available

Molti conoscono i sentieri che portano a Cima Carega, le ampie panoramiche sulle vallate circostanti, la natura prorompente, i boschi densi, fitti di giovani alberi, le splendide orchidee endemiche, i caprioli, i camosci e le marmo....

Baiti Par Via
Image is not available

I Baiti Parvia sono vere oasi dove poter stare in armonia con sé stessi, con la natura e con gli altri.

Ottimo cibo di qualità e tanto relax per grandi e piccoli. Qui la bellezza è di casa...

Recoaro Mille
Image is not available

I Cimbri, il primo popolo che abitò le Prealpi venete intorno al XIII secolo, diedero al caratteristico luogo il nome di Spitz-gar. Dopo alcuni secoli la denominazione viene trasformata in Pizzegoro, ancora oggi utilizzata...

Recoaro Monte Spitz
Image is not available

Da questo meraviglioso posto nella piattaforma panoramica del Monte Spitz colomba se ammiri uno dei panorami più suggestivi di tutte le Piccole Dolomiti...

Rifugio Bertagnoli
Image is not available

Il rifugio “Bertagnoli” sorge a 1225m di altitudine sul versante della catena delle Tre Croci, sulla sinistra orografica della testata della Valle del Chiampo...

Rifugio Cesare Battisti
Image is not available

Il Rifugio è punto d’appoggio per numerose attività fra cui trekking, nordic walking, mountainbike, passeggiate storiche e didattiche, alpinismo, arrampicata su roccia e parapendio....

Osteria Ljetzan
Image is not available

L’Osteria Ljetzan è situata nella piazza di Giazza a pochi passi dalla chiesa e dal museo dei Cimbri ed è diventata un punto di partenza (soprattutto di arrivo!) per varie passeggiate ed escursioni: la Val Fraselle, Valle di Revolto il gruppo del Carega, la Lessinia occidentale (S. Giorgio) e quella orientale (Campo Fontana, Lobbia)....

Ristoro Magna e Bevi
Image is not available

A cavallo tra le vallate di Vicenza e l'inizio della Vallarsa , un posto " tranquillo " in cui ricaricare le vostre pile....

La Capannina
Image is not available

La magia di un parco,i profumi della montagna, i suoni della natura,i panorami mozzafiato, sulla cima del Monte Baldo in un ambiente ineguagliabile e fiabesco sorge il nostro ristorante pronto ad accogliervi per....

Rifugio Campogrosso
Image is not available

Non c’è una stagione da preferire per visitare l’Alpe di Campogrosso.
D’estate qui si può trovare riparo all’afa della pianura, d’inverno si possono passare luminose giornate passeggiando sulla neve...

Rifugio Larici
Image is not available

Il Rifugio Larici da Alessio si trova a 1658 metri di altitudine, in una delle più belle e rinomate zone dell’Altopiano di Asiago, in provincia di Vicenza, Regione Veneto, Italia....

previous arrow
next arrow
Slider

Recoaro Mille

WEBCAM

STORICO IMMAGINI

Recoaro Mille

I Cimbri, il primo popolo che abitò le Prealpi venete intorno al XIII secolo, diedero al caratteristico luogo il nome di Spitz-gar. Dopo alcuni secoli la denominazione viene trasformata in Pizzegoro, ancora oggi utilizzata per indicare il luogo dove è situata la stazione sciistica.

Recoaro Mille - venetorifugi.it

Gli antichi abitanti chiamavano il posto anche busa, che suggeriva la caratteristica forma geografica del territorio adatta a ospitare gli impianti sciistici di salita e discesa.

Il Pizzegoro era in origine una distesa di alberi, che tra il Quattro e il Cinquecento furono completamente disboscati su ordine della Repubblica di Venezia che necessitava di tronchi per costruire navi. Il posto rimase così per secoli solo luogo di pascoli per mandrie e greggi, contribuendo a sviluppare una delle attività economiche più diffuse della zona.

L’utilizzo degli sci era molto praticato anche da questi popoli per attività di caccia nei periodi invernali e negli anni successivi divennero lo strumento per l’esplorazione delle montagne. Durante il periodo di guerra, l’esercito ne fece uso per facilitare la mobilità ai reparti che si trovavano al fronte durante l’inverno. I primi sci arrivarono in questa zona grazie alle truppe alpine coinvolte nella prima guerra mondiale. Alcuni giovani, incuriositi da questi attrezzi, li provarono e Pizzegoro divenne il luogo ideale per cimentarsi in questa nuova attività.

Negli anni successivi lo sport sciistico cominciò a svilupparsi e intorno agli anni 20 cominciarono le prime competizioni.

 

Recoaro Mille
Facebooktwittergoogle_plusmail